You are currently browsing the monthly archive for marzo 2015.

Pupetta dorme …
fiuuu!! [da leggere passandosi il dorso della mano sulla fronte!!]

ne approfitto per dialogare un po’ con voi, cari amici lettori
…anche se, più che un dialogo, quello che vi si prospetta a seguire sarà più un logorroico monologico [!!] aneddoto della casa …
vabbè…
in breve, volevo semplicemente avvisare tutti quei neogenitori amanti del lettone, del sonno e del dolce sognar di ricordarsi sempre di posizionare su OFF il i tasti di quei rumorosissimi giochini cromati e plasticosi che vi regaleranno [a migliaia!!] i parenti … quelli con quelle musichette e lucine colorate in stile casinò di las vegas che stordiscono i vostri bambini fino a farli diventare così rincoglioniti che vi imploreranno, per non sentirle/vederle più, di poter finalmente dormire [e allora voi sogghignerete, maligni e soddisfatti, e infine deporrete il pupo in culla, esausto … finalmente silente! …]
MALIGNI SIETE!!
e mefistofelici sono i produttori di quei suddetti giochini, che ritengono i nostri bambini così ebeti ed ebefrenici da non offrirgli, nel gioco, la possibilità del silenzio … della pausa … della riflessione.
Solo perché noi adulti non riflettiamo ormai più su nulla non vuol dire che non lo facciano anche i nostri bambini!!
essi sono invece intelligenti, curiosi e “sensitivi”! …
[CI FREGANO ANCHE BENE!!, dico io!! a me Pupetta mi ribalta come un calzino!!!! help!! solo alzando il ditino di una ancora microscopica manina comanda a bacchetta i suoni della casa … e le movenze della mia persona!! heeelp!!]
riassumendo: ABBASSO I GIOCHINI-SLOT-MACHINES E ABBASSO I BAMBINI CHE POSSEGGONO I PROPRI GENITORI!! [… si palesa che la colpa sta nel genitore che si rende, bramoso, oggetto della suddetta possessione]
per chi fosse riuscito ad attraversare le fitte fronde delle mie parole fino a qui, facendosi strada come il principe filippo tra i rovi antistanti il castello della bella, dormiente [beata lei!! qui non dorme più nessuno!!] aurora … il semplice (e in realtà sbrigativo!) aneddoto sarebbe questo: la nina ha capito come fare suonare la palestrina di Pupetta !! [what a cat!!]
quindi … la notte mi sono svegliata sognando di avere fatto jackpot a las vegas, e invece … era solo la nina che si divertiva con i roboanti giochi della bambina!!
GOSH!!

da cui l’insegnamento
“spegnere sempre i tasti
dei mefistofelici attrezzi da gioco
prima di andare [finalmente!]
a dormire”

nina sleeping
la stanca nina
a riposo dopo i giochi notturni