You are currently browsing the monthly archive for maggio 2014.

amici miei,
oggi si è verifica un’altra avventura dei tateini …

micro-avventura in realtà, nonché del tutto casalinga e autoreferenziale, visto che si è sviluppata nei pochi metri che separano il luogo in cui parcheggio l’auto e il luogo caotico e sconfusionato, inflazionato di oggetti ridicoli e di cose inutili assolutamente-non-da-buttare!] in cui risiediamo appunto noi, i tateìni e la nina-deliziosa-gattina …].
e ancora una volta mi ritrovo a riflettere su quel [tantissimo] tempo esageratamente speso a cercare cose … mettere, lanciare, impilare cose [ADORATE COSE-SEZA-VALORE!] … ma, soprattutto, cercare, ravanare, infilare le mani bramose in qualsiasi tipo di contenitore per poi, infine, RITROVARLE!
oggi dunque un altro episodio, che evidenzia [e punisce!] il mio inerziale lassismo [dovuto forse, insieme al fatto di dormire spesso, ovunque e volentieri, di essere nata di domenica … mah, chi può dirlo …!].
mi ritrovo quindi stamane a fuggire, al solito, all’ultimo secondo di casa … recupero gli ultimi “oggetti di scena” che renderanno fattibile la mia giornata e … manco la borsa fosse stata bucata [ma con un buco che ricorda il temibile NULLA della storia che noi tutti conosciamo molto bene, fagocitatore di oggetti, vite, sogni e ingenti progetti urbanistici total white] NON HO PIU’ LE MIE MONO-CHIAVI DELLA MACCHINA [per chi avesse ancora il coraggio di definire quell’ottovolante della mia lozzissima C1 “macchina”]!
-ma …  perché “mono-chiavi”?-
chiederete voi
-ovvio!- rispondo io – … perché quando, dopo avere perso l’altro paio l’ultima volta [lo persi comunque modo assolutamente edificante, poiché lo buttai in un qualche pattume della raccolta differenziata … la domanda è “in quale?“], pensai bene di non rifarne MAI PIU’ una copia …!”
ho quindi vissuto per anni nel terrore di perdere le mie solitarie, malinconiche, mono-chiavi, potessero andare perdute, ma non mi sono mai degnata di spendere cinque minuti per duplicarle [brava tatèìna!] … e oggi l’incubo si è finalmente, quasi a darmi conferma dei miei terrori e immaginari auto-punitivi, realizzato!!

quindi oggi, presa dal panico più assoluto di dovermi auto-scassinare la macchina, ho indetto [e coinvolto il tatèìno] in una caccia-alla-chiave senza eguali ….!!
il che non ha ovviamente condotto i nostri affannati [e dinoccolati-nella-ricerca] eroi al ritrovamento dell’oggetto della compulsiva ricerca, ma ha comunque portato alla luce grandi ritrovamenti.
in particolar modo il sollevamento/spostamento del divanone-con-penisola [per lungo tempo considerato l’oggetto il desiderio nei momenti di stanchezza della tatèìna] ha suscitato scoperte senza precedenti: dai tappini della nina alle monete, dai cavatappi agli accendini … palle di polvere e palline rimbalzanti, cucchiai e rotelle taglia-pizza!!
MA UAU!!
l’insegnamento di questa vicenda è dunque il seguente:

PULITE IL MENO SPESSO POSSIBILE,
SOPRATTUTTO SOTTO IL DIVANO,
DOSI’ QUANDO VI CAPITERA’ DI DOVERLO FARE …
FARETE SCOPERTE INEDITE E SENSAZIONALI!!

un bacio dalla tatèìna e dalla nina,
a cui, un qualche ignoto buon samaritano,
ha ritrovato, non si sa bene dove, e restituito,
le chiavi della C1


forse è stato solo uno scherzo della nina
[anche se non mi pare che si sia mossa
dalla sua postazione …]

20140418_183539