oggi avrei voluto registrare il suono incessante e potente e tenace delle cicale che abitano il mio quartiere, occupandolo di suoni.
ma avevo fretta, troppa fretta (maledetta fretta!) e ho dovuto lasciare che esse suonassero per se stesse, e non più per me.
sulla mia bici, come la giovane e già responsabile Josephine (Jo) March, sfreccio nella città
sorridendo alle genti
inanellando buche
del terreno

Annunci