marmo dancer

voglio vederti danzare
come le zingare del desertoooooo
con candelabri in testa
o come le balineeeesi nei giorni di festa!!

immagine indelebile nella mente del marmo che gira sulla spina dorsale
al suono di cavigliere del katakaliiiiii!
camicia bianca catarifrangente e sorriso a millecinquecentocinquantasei denti,
accompagnato da una degna collega di bianco incammiciata,
si rendeva presto salterino protaginista della pista da ballo …
nel frattempo il vinci sprizzava gioia (e orgoglio) cadelboschese
da ogni orefizio …
mentre elisa planava nella toilette e raccoglieva/distribuiva numeri di telefono
solo il giovin fratello alle danze non giunnge
rapito da un bruto funereo di cuoio vestito
(“ladro!” lei urla, ma invano) ….

le barbe si intrecciano nella serata,
rendendoci all’unisono gerontofili …
(perchè scegliere la balera, quando tanta anzianità in tanto ameno loco
si riunisce,
rendendoci, alla sola vista, più giovani di un ventennio?!)
il katakali mai fu così vicino!!

le ore di sonno si dispersero rapide nella notte,
nascoste tra i cuscini che incorniciano i visi,
e tosto tornò il giorno
e il buio lavoro
e i rutti, gli sbadigli
annoiati.

TORNA,
serata di gioia,
a rallegrare i nostri piedi e le nostre anche invecchiate !!!!

Nei ritmi ossessivi la chiave dei riti tribali
regni di sciamani
e suonitori zingari ribelliiiiiii!!

E GIRA TUTTO INTORNO LA STANZAAAAA
MENTRE SI DANZAAAAAA

ringrazio tutti della partecipazione al piacere dell’ancheggiare ritrovato!!
(e alle ore di sonno mancato!)
mai le ragazze albanesi furono così poco foriere di danza …

special thanks anche ai pazienti buttafuori :
“me la fai questa?!”
“BON
E LE CI BON
E LE CI BON E LE CI BON!!”

Annunci