You are currently browsing the monthly archive for marzo 2013.

SILENTE IL SOLE INFINE RISORSE.. 

“aleee” “era ora!”
diono i miei fiorellini belli sul balcone!
“calore calore!”
cantan gli uccellini cagherini.
e tosto pensan al rinnovato amore.

Annunci

ovviamente il tateino è il lupo …
…e il cestino era pieno di ceres …
la nonna si tolse la maschera da pterodattilo … ed era ancora il tateino …
mi chiedo dunque chi fosse il cacciatore …
un salvifico figone minorenne ?!
superandrew?!
un nonnino che suscita la gerontofilia di cappuccetto?!

RISPONDETE AL SONDAGGIO: CHI ERA IL CACCIATORE?!

che cesso, un pò mi vergogno … comunque grazie della visita amicicini gigettini!

BENVENUTI AMICI NEL MIO PERSONAL STORDITO E LORROICO BLOG!!

VI ACCOLGO CON ALCUNE FAMOUS WORDS CHE RICORDANO A TUTTI QUANTO DOBBIAMO GODERCELA E CERCARE LA FELICITA’ SEMPRE SEMPRE SEMPRE SEMPRE (ALLA FACCIAZZA LORO!!)
D’ALTRA PARTE … ABBIAMO ANCORA VENT’ANNI!!
O ALMENO, SE COSì CI SENTIAMO, COSì NE ABBIAMO, DICO IO (magari!)

Quant’è bella giovinezza
che si fugge tuttavia!
Chi vuol essere lieto, sia:
di doman non c’è certezza.
Quest’è Bacco e Arianna,
belli, e l’un dell’altro ardenti:
perché ‘l tempo fugge e inganna,
sempre insieme stan contenti.
Queste ninfe ed altre genti
sono allegre tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.
Questi lieti satiretti,
delle ninfe innamorati,
per caverne e per boschetti
han lor posto cento agguati;
or da Bacco riscaldati,
ballon, salton tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.
Queste ninfe anche hanno caro
da lor esser ingannate:
ora insieme mescolate
suonon, canton tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.
Questa soma, che vien drieto
sopra l’asino, è Sileno:
così vecchio è ebbro e lieto,
già di carne e d’anni pieno;
se non può star ritto, almeno
ride e gode tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.
Mida vien drieto a costoro:
ciò che tocca, oro diventa.
E che giova aver tesoro,
s’altri poi non si accontenta?
Chi vuol esser lieto, sia:
del doman non c’è certezza.
Ciascun apra ben gli orecchi,
di doman nessun si paschi;
oggi sian, giovani e vecchi,
lieti ognun, femmine e maschi;
ogni tristo pensier caschi:
facciam festa tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.
Donne e giovinetti amanti,
viva Bacco e viva Amore!
Ciascun suoni, balli e canti!
Arda di dolcezza il core!
Non fatica, non dolore!
Ciò c’ha esser, convien sia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

CHE PESANTEZZA, DIRETE VOI, ‘STE ARCAICHE STROFE ….

GRAZIE A TUTTI PER LA PRESENZA  DA CHI, DIETRO QUESTO SCHERMO, SI NASCONDE.

 

PAROLE PAPAVERI E SPIGHE

logorroiche poesie (?!), ormai quindicennali, in perpetuo aggiornamento

… da leggersi ad alta voce (words&sounds)

go to the page if you’re interested in palabras ruidosas …

I finally find my visual alter ego!

buonasera amici telespettatori e benvenuti all’aperitivo inaugurale_calice alla mano_ di questo witty blog, un pò divergente e diversivo …. insomma banalissimamente NARRATIVO!
non avendo ancora ben capito il funzionamento di tutta la bloggara faccenda tecnologica rimando ulteriori presentazioni a quando ci sarò saltata, epifanicamente, fuori!
nel frattempo … baci agli amici sgambetti ai nemici e pacche sul sedere agli assenti!

firmato: Jo Mary Alcott (un pò narratrice e un pò narrata figura)